Biografia

Gaetano D’Agostino (Palermo, 3 giugno 1982) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, attuale tecnico del Virtus Francavilla Calcio in Serie C.

Fa i primi passi nelle giovanili del Palermo a cui arriva nel 1990 ed in maglia rosanero realizza il record di 100 reti segnate in un solo anno, che gli fa guadagnare il passaggio alla Roma.

Nel 1998, a 16 anni, entra a far parte della prima squadra guidata da Zdeněk Zeman e vi rimane anche per i primi due anni della gestione Capello, durante la quale fa il suo esordio in serie A, il 5 novembre 2000 nella partita vinta a Brescia contro il Brescia (4-2), e vince lo scudetto nella stagione 2000-2001.
Nel marzo del 2001 passa al Bari in comproprietà nell’affare che porta Antonio Cassano a Roma. Con la maglia barese in serie B trova molto spazio giocando 63 partite in due stagioni, dopodiché nell’ottobre del 2003 fa ritorno alla Roma per altri due anni, trovando però poco spazio. Il 4 aprile 2004 realizza la sua prima marcatura in maglia giallorossa contro il Lecce (0-3). Dopo il trasferimento al Messina nel gennaio del 2005 con Bortolo Mutti alla guida della squadra peloritana, in una stagione e mezza colleziona 42 presenze e 5 gol in campionato.
Il 9 luglio 2006 si trasferisce all’Udinese, dove indossa inizialmente la maglia numero 4, numero appartenuto fino all’anno prima al capitano Valerio Bertotto, e dal terzo anno di Udine, la maglia numero 21.
Nella stagione 2008-2009, la terza in maglia friulana, realizza 11 reti in 36 presenze. I gol arrivano contro Bologna, Lecce (sia all’andata che al ritorno), Genoa, Fiorentina (doppietta), Chievo (seconda doppietta consecutiva), Lazio, Milan e Sampdoria: 6 di questi sono calci di rigore, 4 su punizione e 1 su azione.
Nell’estate del 2009 è molto vicino al Real Madrid, ma alla fine salta l’accordo. Nell’annata 2009-2010 colleziona 20 presenze con un gol, segnato nella partita persa 2-1 con il Siena.
Il 3 giugno 2010 la Fiorentina annuncia l’acquisto in comproprietà del centrocampista siciliano versando nelle casse del club friulano 4,5 milioni di euro, offrendogli un contratto di tre anni con opzione sul quarto. All’esordio in maglia viola, il 29 agosto 2010 in Fiorentina-Napoli valida per la prima giornata di Serie A, mette a segno la sua prima rete che vale il pareggio al 49′. Il 1º maggio 2011 segna la sua prima doppietta con la Fiorentina proprio contro la sua ex squadra, l’Udinese, battuta 5-2.
Il 9 luglio 2011 viene ufficializzato il suo passaggio in compartecipazione al Siena, con cui firma un contratto quadriennale. Esordisce in maglia bianconera il 21 agosto in Siena-Torino (1-0) del terzo turno di Coppa Italia, giocando titolare. Segna il primo gol in maglia bianconera in Siena-Chievo Verona (4-1) della decima giornata di campionato, con una punizione. Chiude la stagione con 24 presenze in campionato, segnando 3 gol, ed una in Coppa Italia.
Il 22 giugno il Siena rileva anche l’altra metà del cartellino ancora in possesso dell’Udinese. Ha debuttato nella nuova stagione il 19 agosto giocando da titolare la sfida di Coppa Italia vinta contro il Vicenza per 4-2 con una sua doppietta.
Il 21 gennaio 2013 passa in prestito con diritto di riscatto al Pescara, obbligatorio in caso di salvezza del club abruzzese. Debutta il 27 gennaio nella sconfitta per 6-0 contro la Sampdoria; la settimana seguente, il 3 febbraio, realizza il primo gol con la maglia del Pescara su calcio di rigore ai danni del Bologna.
A fine stagione il Pescara, retrocesso in cadetteria, non lo riscatta e fa ritorno al Siena. Il 24 agosto, nella gara d’esordio della Serie B, realizza una doppietta contro il Crotone nella gara terminata 5-2 per i toscani. Il 22 luglio 2014, dopo la mancata iscrizione del Siena al campionato di Serie B, rimane svincolato.
Il 10 settembre 2014, raggiunge l’accordo con la Fidelis Andria che lascia dopo poco tempo quando il 1º dicembre 2014, dopo pochissimi giorni di trattative, decide di cominciare una nuova avventura al Benevento, tornando dunque al calcio professionistico.Segna il primo gol con la maglia giallorossa nella partita casalinga contro la Reggina, terminata 4-0, con un gol al volo da distanza ravvicinata.
Il 17 giugno 2015 rescinde anticipatamente il contratto che lo legava al club campano. Il 22 giugno 2015 firma con la Lupa Roma con cui chiuderà a fine anno la sua carriera da calciatore nell’estate 2016.
Nel biennio 2002-2004 fa parte della Nazionale Under-21 che ha vinto l’Europeo U-21 2004. Riceve la sua prima convocazione in Nazionale da parte del CT Marcello Lippi, in vista della partita amichevole del 19 novembre 2008 contro la Grecia. Il 6 giugno 2009, a 27 anni, esordisce in Nazionale giocando da titolare nella partita amichevole Italia-Irlanda del Nord (3-0) disputata a Pisa.
Dopo aver terminato il corso per allenatori a Coverciano, nell’agosto 2016 D’Agostino viene ingaggiato come allenatore dell’Anzio, squadra militante nel girone H di Serie D.

Gaetano D’Agostino (Palermo, 3 giugno 1982) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, attuale tecnico dell’Anzio.
Fa i primi passi nelle giovanili del Palermo a cui arriva nel 1990 ed in maglia rosanero realizza il record di 100 reti segnate in un solo anno, che gli fa guadagnare il passaggio alla Roma.
Nel 1998, a 16 anni, entra a far parte della prima squadra guidata da Zdeněk Zeman e vi rimane anche per i primi due anni della gestione Capello, durante la quale fa il suo esordio in serie A, il 5 novembre 2000 nella partita vinta a Brescia contro il Brescia (4-2), e vince lo scudetto nella stagione 2000-2001.
Nel marzo del 2001 passa al Bari in comproprietà nell’affare che porta Antonio Cassano a Roma. Con la maglia barese in serie B trova molto spazio giocando 63 partite in due stagioni, dopodiché nell’ottobre del 2003 fa ritorno alla Roma per altri due anni, trovando però poco spazio. Il 4 aprile 2004 realizza la sua prima marcatura in maglia giallorossa contro il Lecce (0-3). Dopo il trasferimento al Messina nel gennaio del 2005 con Bortolo Mutti alla guida della squadra peloritana, in una stagione e mezza colleziona 42 presenze e 5 gol in campionato.
Il 9 luglio 2006 si trasferisce all’Udinese, dove indossa inizialmente la maglia numero 4, numero appartenuto fino all’anno prima al capitano Valerio Bertotto, e dal terzo anno di Udine, la maglia numero 21.
Nella stagione 2008-2009, la terza in maglia friulana, realizza 11 reti in 36 presenze. I gol arrivano contro Bologna, Lecce (sia all’andata che al ritorno), Genoa, Fiorentina (doppietta), Chievo (seconda doppietta consecutiva), Lazio, Milan e Sampdoria: 6 di questi sono calci di rigore, 4 su punizione e 1 su azione.
Nell’estate del 2009 è molto vicino al Real Madrid, ma alla fine salta l’accordo. Nell’annata 2009-2010 colleziona 20 presenze con un gol, segnato nella partita persa 2-1 con il Siena.
Il 3 giugno 2010 la Fiorentina annuncia l’acquisto in comproprietà del centrocampista siciliano versando nelle casse del club friulano 4,5 milioni di euro, offrendogli un contratto di tre anni con opzione sul quarto. All’esordio in maglia viola, il 29 agosto 2010 in Fiorentina-Napoli valida per la prima giornata di Serie A, mette a segno la sua prima rete che vale il pareggio al 49′. Il 1º maggio 2011 segna la sua prima doppietta con la Fiorentina proprio contro la sua ex squadra, l’Udinese, battuta 5-2.
Il 9 luglio 2011 viene ufficializzato il suo passaggio in compartecipazione al Siena, con cui firma un contratto quadriennale. Esordisce in maglia bianconera il 21 agosto in Siena-Torino (1-0) del terzo turno di Coppa Italia, giocando titolare. Segna il primo gol in maglia bianconera in Siena-Chievo Verona (4-1) della decima giornata di campionato, con una punizione. Chiude la stagione con 24 presenze in campionato, segnando 3 gol, ed una in Coppa Italia.
Il 22 giugno il Siena rileva anche l’altra metà del cartellino ancora in possesso dell’Udinese. Ha debuttato nella nuova stagione il 19 agosto giocando da titolare la sfida di Coppa Italia vinta contro il Vicenza per 4-2 con una sua doppietta.
Il 21 gennaio 2013 passa in prestito con diritto di riscatto al Pescara, obbligatorio in caso di salvezza del club abruzzese. Debutta il 27 gennaio nella sconfitta per 6-0 contro la Sampdoria; la settimana seguente, il 3 febbraio, realizza il primo gol con la maglia del Pescara su calcio di rigore ai danni del Bologna.
A fine stagione il Pescara, retrocesso in cadetteria, non lo riscatta e fa ritorno al Siena. Il 24 agosto, nella gara d’esordio della Serie B, realizza una doppietta contro il Crotone nella gara terminata 5-2 per i toscani. Il 22 luglio 2014, dopo la mancata iscrizione del Siena al campionato di Serie B, rimane svincolato.
Il 10 settembre 2014, raggiunge l’accordo con la Fidelis Andria che lascia dopo poco tempo quando il 1º dicembre 2014, dopo pochissimi giorni di trattative, decide di cominciare una nuova avventura al Benevento, tornando dunque al calcio professionistico.Segna il primo gol con la maglia giallorossa nella partita casalinga contro la Reggina, terminata 4-0, con un gol al volo da distanza ravvicinata.
Il 17 giugno 2015 rescinde anticipatamente il contratto che lo legava al club campano. Il 22 giugno 2015 firma con la Lupa Roma con cui chiuderà a fine anno la sua carriera da calciatore nell’estate 2016.
Nel biennio 2002-2004 fa parte della Nazionale Under-21 che ha vinto l’Europeo U-21 2004. Riceve la sua prima convocazione in Nazionale da parte del CT Marcello Lippi, in vista della partita amichevole del 19 novembre 2008 contro la Grecia. Il 6 giugno 2009, a 27 anni, esordisce in Nazionale giocando da titolare nella partita amichevole Italia-Irlanda del Nord (3-0) disputata a Pisa.
Dopo aver terminato il corso per allenatori a Coverciano, nell’agosto 2016 D’Agostino viene ingaggiato come allenatore dell’Anzio, squadra militante nel girone H di Serie D. Raggiunge il mantenimento della categoria con anticipo vincendo il premio “Giovani D Valore” con la sua squadra e nell’estate 2017 viene annunciato come nuovo allenatore della Virtus Francavilla Calcio nel girone C di Serie C.

D’ Agostino Gaetano (Ph. Fabio Di Pietro)